Blog
Stop alle telefonate!
Tags: newsletter, registro, opposizioni, telemarketing, telefonate, pubblicitarie, indesiderate, garante, privacy, fondazione Ugo Bordoni

Stop alle telefonate!

Il Registro delle Opposizioni può diventare uno strumento per fermare le telefonate pubblicitarie indesiderate


È capitato a tutti di ricevere almeno una telefonata durante la quale un anonimo operatore ha insistito per convincerci a sottoscrivere offerte commerciali cui non eravamo interessati (promozioni telefoniche, abbonamenti a Internet, pacchetti televisivi). Fino ad oggi ben poco si poteva fare per contrastare questo fenomeno perché l'utente non aveva in mano nessuna informazione precisa sull'identità del proprio interlocutore (il numero di provenienza corrisponde a quello di un call-center, l'operatore si presenta in maniera generica senza lasciare un numero telefonico da ricontattare). Da qualche mese, però, le cose stanno cambiando.

Grazie alla pressione esercitata da alcune associazioni dei consumatori come Adiconsum, esasperate dal continuo aumento di questo genere di telefonate, il Garante della Privacy ha deciso di adottare nuove misure a tutela del consumatore, valide sia per le aziende che per i singoli privati (http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1785597). Tale misure, in parte già criticate, rappresentano un significativo passo in avanti rispetto al "Far West" che dominava in precedenza. Così a partire dal 31/1/2011 chi non desidera più ricevere telefonate indesiderate sul fisso oppure sul cellulare ha la possibilità di iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni, uno speciale elenco istituito con il D.P.R. n.178/2010 e affidato dal Ministero dello Sviluppo Economico alla Fondazione Ugo Bordoni (http://www.registrodelleopposizioni.it).

Stop alle telefonate - Registro Pubblico delle Opposizioni
La home page del sito del Registro Pubblico delle Opposizioni

L'iscrizione al Registro è assolutamente gratuita e può avvenire in cinque modalità diverse: sito Internet, posta elettronica, telefonata, raccomandata o fax. Al termine dell'iscrizione si riceve una comunicazione contenente un codice numerico per verificare lo stato della propria richiesta e, dopo un paio di giorni, la procedura si conclude positivamente. A questo punto cosa succede?

Noi abbiamo provato a iscrivere il nostro numero di telefono, sul quale ricevevamo non meno di due/tre chiamate al giorno, e nei primi mesi successivi all'iscrizione le telefonate sono continuate come se nulla fosse cambiato. Abbiamo però notato che, a differenza di quanto avveniva in precedenza, segnalando che eravamo iscritti al registro delle opposizioni, l'operatore interrompeva all'istante la presentazione e riagganciava immediatamente, dopo essersi scusato per il disturbo arrecato. Nei mesi successivi il numero di telefonate ha subito una forte riduzione, anche se non sappiamo se il calo sia effettivamente dipeso dall'avvenuta iscrizione al Registro o da altri fattori esterni, come la naturale riduzione delle attività di telemarketing prima del periodo estivo.

L'iscrizione al Registro è comunque obbligatoria per qualunque soggetto che intenda avviare attività telefonica a scopo commerciale, promozionale o ricerche di mercato, pena un'ammenda variabile da 30.000 a 180.000 Euro. L'elenco aggiornato degli operatori, che però sembra ancora incompleto, può essere liberamente consultato attraverso il sito http://www.registrodelleopposizioni.it/lista-operatori

Purtroppo l'entrata in vigore del Registro Pubblico delle Opposizioni non ha soddisfatto le associazioni dei consumatori che pretendevano misure ancora più restrittive nei confronti degli operatori di telemarketing, vincolate all'espressione preventiva del consenso da parte dell'utente finale. Un'altra critica mossa alla nuova misura riguarda il campo di applicazione, limitato per ora alla sola pubblicità telefonica. Come ricorda il comunicato del Garante, infatti, "l'avvio del Registro non modifica le regole finora usate per la pubblicità via posta o effettuata con strumenti diversi dal telefono (ad es. posta elettronica, telefax, messaggi del tipo Mms o Sms, chiamate automatizzate senza operatore)". Forse è ancora presto per dare un giudizio definitivo e solo nei prossimi mesi sapremo se questo strumento ha funzionato davvero oppure no. Nel frattempo può valere la pena iscriversi e provare!

Richiedi informazioni