Blog
A quanto va la mia ADSL?
Tags: newsletter, velocità, misura, connessione, ADSL, banda larga, accesso, Internet, misurainternet, speed test

A quanto va la mia ADSL?

Normativa


A partire dal 2008 AGCOM, l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha avviato a livello nazionale il progetto "Misura Internet" per verificare e certificare la qualità degli accessi a Internet da postazione fissa. L'obiettivo che AGCOM si è posta è doppio: da un lato confrontare la qualità delle connessioni Internet offerte dai vari operatori , dall'altro permettere a privati e aziende di verificare attraverso un software gratuito la qualità della propria connessione ADSL.

Anche se esistono diversi siti Internet che offrono un servizio apparentemente analogo (www.speedtest.net), la differenza consiste nell'accuratezza della misura e nella conseguente possibilità di ottenere un risultato con valore legale di certificazione. Per questo motivo nel caso il risultato ottenuto sia inferiore a quello dichiarato a livello contrattuale, l'utente potrà esibirlo per presentare un reclamo e, in caso di mancato ripristino dello standard previsto, richiedere il recesso del servizio per giusto motivo, senza cioè dover pagare alcuna penale.

A quanto va la mia ADSL

Per valutare la qualità della propria connessione a Internet è necessario innanzitutto registrarsi al sito www.misurainternet.it, attivo dal 24/11/2011 dopo ripetuti ritardi e rinvii per motivi di natura tecnica. La procedura di registrazione è gratuita e richiede pochi minuti. Durante la fase di inserimento dei dati è essenziale inserire i dati esatti dell'intestatario della linea telefonica, in caso contrario la certificazione ottenuta perderà il suo valore legale. La conferma dell'iscrizione avviene con il ricevimento di una mail, contenente la password per accedere all'Area Privata. A questo punto è possibile scaricare e installare sul proprio PC il software Ne.Me.Sys, disponibile per i principali sistemi operativi (Windows, Mac, Linux).

Il software Ne.Me.Sys., sviluppato dalla Fondazione "Ugo Bordoni" (la stessa che ha dato vita al Registro delle Opposizioni), è ad oggi il primo e unico esempio a livello europeo di software certificato messo a disposizione degli utenti che desiderano verificare le prestazioni della propria connessione a Internet. Una volta avviato, il software inizia automaticamente l'attività di misurazione, effettuando almeno una misura (composta da 50 test) per ciascuna fascia oraria della giornata. L'elevato numero di test garantisce l'attendibilità a livello statistico dei risultati; la distanza temporale tra le varie misurazioni permette di determinare la qualità delle connessione in tutte le condizioni, sia quelle più favorevoli (durante la notte) sia quelle meno favorevoli (durante il giorno).

I test avvengono valutando quattro parametri: la velocità di trasmissione di un file predefinito in upload e download, il tasso di insuccesso, il ritardo di trasmissione (ovvero il tempo che occorre ad ogni singolo bit che parte dal nostro PC per raggiungere la destinazione) e il tasso di perdita dei pacchetti (ovvero la probabilità che i dati siano trasmessi con successo). Tali indicatori sono stati scelti in modo da soddisfare diverse modalità di utilizzo del servizio Internet da parte degli utenti. Il ritardo di trasmissione, ad esempio, è un fattore importante per chi utilizza Internet per le comunicazioni VoIP: un ritardo superiore ai 250ms renderebbe estremamente faticosa la conversazione. La velocità di trasmissione, invece, è un fattore importante per chi utilizza l'ADSL per la visione di filmati in streaming: valori troppo bassi potrebbero impedire la visione in tempo reale, causando fastidiosi blocchi. Per questo motivo tutti i Provider sono obbligati a rendere disponibili i valori di questi indicatori prima della stipula di un nuovo contratto ( es. http://www.gruppoterra.it/carta-servizi/).

Come si può notare, i parametri scelti sono indipendenti dal PC utilizzato, perché raramente l'hardware e il software di un computer rappresentano il collo di bottiglia per la navigazione in Internet, a meno che non venga utilizzato un PC particolarmente vecchio o un browser non aggiornato. Per correttezza va comunque ricordato che la velocità di connessione può dipendere anche da fattori non imputabili al Provider, come la fascia oraria di navigazione, il numero di utenti collegati contemporaneamente sulla stessa linea, il tipo di modem o impianto telefonico, la banda utilizzata dagli altri computer della propria rete.

Le misure vengono effettuate tramite i protocolli FTP (File Transfer Protocol) ed ICMP (Internet Control Message Protocol) tra il PC dell'utente e i server di AGCOM. I server sono collocati nei NAP (Neutral Access Point), cioè nei punti fisici di interscambio tra le reti dei vari operatori. La posizione di questi apparati assicura che lo scambio dati tra il PC dell'utente e il server che effettua la misura transiti esclusivamente attraverso la rete dell'operatore con cui è stato sottoscritto il contratto e non su altre reti. Proprio per questo i risultati della misura hanno valore probatorio finalizzato ad accertare le prestazioni delle singole connessioni e riconosciuto da tutti gli operatori di comunicazione elettronica

Durante le misurazioni occorre seguire alcuni semplici accorgimenti, limitando l'utilizzo di applicativi particolarmente pesanti per la memoria e il processore. Il software è comunque in grado di ripetere automaticamente le prove nelle fasce orarie dei due giorni successivi. Al termine della sessione di misura sarà possibile scaricare un file certificato in formato PDF contenente i risultati ottenuti. I valori riportati sul documento possono essere confrontati con quanto promesso dall'operatore. In caso di difformità, l'utente potrà fare un reclamo in merito al ripristino dei parametri contrattuali concordati o recedere dal contratto senza penali.

Richiedi informazioni